In giro oltre l’orario consentito fornisce motivazioni false. A Cavallino donna nel centro commerciale senza mascherina

In giro oltre l’orario consentito fornisce motivazioni false. A Cavallino donna nel centro commerciale senza mascherina

MAGLIE/CAVALLINO (Lecce) – Due storie di ordinarie violazioni alle regole anticovid.

Nel primo caso un automobilista, sorpreso alla guida fuori dall’orario consentito, fornisce ai carabinieri una autocertificazione con motivazione poi risultata falsa.

Protagonista un 22enne, a carico del quale è scattata una denuncia. Il fatto è accaduto a Maglie, in via Salvatore Fitto, il 7 aprile scorso. Il giovane è stato sorpreso fuori dall’abitazione a mezzanotte e quaranta e ha fornito una giustificazione risultata poi non veritiera ai militari che lo hanno controllato.

Allo stesso è stata poi contestata, in via amministrativa, proprio la violazione del coprifuoco.

A Cavallino, invece, una donna se ne sarebbe andata in giro nel centro commerciale Bricoman senza indossare la mascherina. Il personale l’avrebbe anche richiamata, ma la stessa avrebbe rifiutato e, peraltro, protestato in maniera animata.

Nel frattempo, un carabiniere libero dal servizio, per motivi di sicurezza e in attesa dell’intervento della pattuglia, ha invitato la donna ad indossare la mascherina e uscire dal centro commerciale. La donna, all’atto dell’intervento dei militari della stazione, è stata poi sanzionata per via amministrativa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.