Italia in zona rossa: restrizioni e spostamenti con autocertificazione

Italia in zona rossa: restrizioni e spostamenti con autocertificazione

Da oggi l’Italia è in zona rossa, senza distinzioni di regioni o province. Valgono dunque le regole per tutti allo stesso modo fino all’Epifania, con giorni, però, in zona arancione in cui le restrizioni si allenteranno (28, 29, 30 dicembre e 4 gennaio).

Bar e ristoranti sono chiusi sempre, salvo per servizio di consegna a domicilio o asporto.

I negozi sono chiusi, salvo supermercati, alimentari, farmacie, edicole, tabaccai, e altre tipologie di attività, considerate erogatrici di servizi necessari. Nei giorni arancioni gli esercizi riapriranno.

Gli spostamenti, nell’Italia “rossa”, sono consentiti solo per ragioni di necessità, salute, lavoro. Queste restrizioni sono da applicarsi anche all’interno dello stesso Comune.

In qualsiasi momento, se si viene sorpresi fuori casa, si può essere fermati da personale delle forze dell’ordine che richiederà di autocertificare la ragione degli spostamenti e tali motivazioni verranno poi sottoposte a controllo.

Il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione è sempre considerato motivo legittimo di spostamento.

Vale la regola della prudenza, sempre, a prescindere da quanto consentito: occorre uscire di casa solo se davvero necessario. Il virus, variante compresa, circola ed è ancora pericoloso.

A questo link le faq con le risposte del Governo sul Decreto Natale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.