“Ma cce te costa”, campagna Asl per l’uso corretto della mascherina. L’idea di due giovani

“Ma cce te costa”, campagna Asl per l’uso corretto della mascherina. L’idea di due giovani

LECCE – “Ma cce te costa“: lo dicono due giovani ai loro coetanei ma anche agli adulti. Perché vanno protette le persone più vulnerabili, genitori e nonni compresi.

La Asl Lecce ricorre al dialetto per spiegare un concetto semplice con parole di impatto immediato: la mascherina, per essere davvero efficace contro il covid, deve coprire bocca e naso.

Non deve essere lasciata penzoloni, non deve stare tristemente abbassata sul mento perché fa chic. Così non serve a nulla. Va tenuta correttamente posizionata proprio per evitare di diffondere il contagio tramite droplet, le ormai famigerate emissioni di secrezioni respiratorie e salivari. E va usata sempre, anche con parenti e amici. Perché nessuno può sentirsi davvero al riparo.

E poi, in fondo, coprire il naso non costa nulla. ASL Lecce lancia pertanto la campagna di comunicazione con il claim dialettale articolato in quattro immagini diverse per richiamare l’attenzione, dei più giovani in particolare, sull’importanza dell’utilizzo del più diffuso dispositivo di protezione individuale nelle occasioni più comuni della vita quotidiana: la visita ai parenti, agli amici, la spesa in un negozio.

Una campagna rivolta al territorio e al contempo a disposizione di tutti che verrà pubblicata sul portale istituzionale e sulla pagina facebook dell’Azienda sanitaria. L’auspicio è che divenga virale contribuendo a dare una spallata al virus, insieme alle altre armi a disposizione: distanziamento, vaccini, anticorpi monoclonali.

La campagna è stata donata da due giovani salentini, Alessandro Colonna, 25 anni studente di marketing, e Riccardo Cavallo, 23 anni, grafico, che hanno pensato di mettere a disposizione della struttura Comunicazione e Informazione istituzionale della ASL un’idea per raggiungere con parole semplici, schiette e chiare i propri coetanei.

“Abbiamo deciso di donare questa campagna all’Asl di Lecce perché amiamo la nostra terra ed abbiamo a cuore la salute dei nostri cari e amici. A distanza di un anno della pandemia, ci siamo accorti che esiste ancora gente che sottovaluta la situazione e non rispetta le regole. Perciò da questo problema è nata la voglia di creare qualcosa di simpatico per comunicare a tutti, e soprattutto ai nostri coetanei, di continuare a indossare la mascherina: perché in fondo è un gesto semplice ed efficace e non costa davvero nulla. Noi giovani dobbiamo essere i primi ad avere più accortezze, perché oltre a noi stessi bisogna preservare le persone più grandi“, hanno dichiarato Alessandro Colonna e Riccardo Cavallo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.